back next
Nuova scuola dell'infanzia

nuova scuola dell'infanzia

concorso 2015, sesto premio

torricella - taverne

new kindergarten 

competition 2015, sixth prize

torricella - taverne

Territorio

Il nuovo edificio si pone come limite ai bordi dell’area pubblica. L’involucro del piano terra si estende a formare una recinzione esterna che definisce l’hortus conclusus dell’asilo relazionandolo con il boschetto retrostante e la scuola esistente. Il perimetro del progetto rispetta la porosità del comparto permettendo un utilizzo e circolazione pubblica del parco attorno alla scuola dell’infanzia. Gli accessi definiti dal masterplan rimangono indipendenti, e completati da una passerella verso la zona residenziale.  

 

Tipologia 

La strategia di progetto mira a ridurre al minimo gli elementi di definizione dello spazio e del suo involucro. Una serie di cinque setti strutturali definisce lo spazio unico di ogni sezione, separandole e collegandole tra loro. 

La forma del setto si apre generosamente al piano terreno per permettere il collegamento delle aule di movimento in un unico grande spazio comune. Al piano superiore si apre limitatamente per la circolazione della refezione. Pannelli scorrevoli consentono di separare le sezioni. Gli elementi di servizio (scala, armadietti, servizi igienici e deposito) sono concepiti come mobili. 

 

Espressione

L’espressione e la materialità mirano al decorum, all’efficienza energetica, alla semplicità esecutiva e alla velocità di realizzazione (ca.5 settimane di posa della struttura). La struttura in legno prefabbricata (Elementbau) e il rivestimento aperto della facciata ventilata, in bicromia del legno di abete comunicano L’immediatezza e la semplice familiarità di un capanno da giardino. La palizzata perforata permette una relazione percettiva giocosa tra interno esterno dell’asilo. Anche la via di fuga diventa uno scivolo.

 

Struttura

L’elemento portante del setto forma una trave parete con una struttura a traliccio che si unisce a cerniera nel centro. La sua estensione forma il lucernario zenitale. La controventatura è garantita dagli elementi perimetrali dell’ascensore e dalla scala esterna. La forma della struttura e in particolare la sua fondazione permettono di appoggiare l’edificio senza intaccare il rifugio esistente. In previsione dell’ampliamento la scala metallica può essere traslata.

 

Energia Edificio – Concetto energetico

Il presente progetto segue i criteri di sostenibiità energetico-ambientale delle certificazioni Minergie© grazie all’elevato isolamento termico dell’involucro, all’ottimizzazione dello sfruttamento degli apporti gratuiti (solari e interni) tramite schermature solari regolabili e all’inerzia termica dell’edificio. I valori di protezione termica dei singoli elementi costruttivi (pareti-pavimenti-tetto-serramenti) si situano nel rispetto della normativa SIA 380/1 e del decreto legge Cantonale sull’energia. Lo stabile raggiunge lo standard Minergie© sia dal punto di vista dell’involucro che dal punto di vista dell’impiantistica, nonché grazie ad una scelta di materiali a basso contenuto di energia grigia (strutture e l’involucro termico). Un sistema di pompa di calore geotermica o con acqua di falda garantisce il riscaldamento dei locali. L’emissione avviene tramite un sistema di serpentine a secco che permettono un raffrescamento nelle stagioni intermedie. La ventilazione controllata Minergie© è prevista per le quattro sezioni in maniera separata con recupero di calore. L’acqua calda è prodotta tramite dei pannelli solari termici. Un campo di pannelli fotovoltaici favorisce l’autoconsumo di corrente elettrica. Il fabbisogno elettrico per l’illuminazione è stato ridotto grazie all’ottima illuminazione naturale garantita dal progetto, e mediante apparecchi e lampade a elevata efficienza (LED).

 

Motto

Il mio vicino Totoro (Tonari no Totoro) è un film d’animazione giapponese del 1988, diretto da Hayao Miyazaki e prodotto dallo Studio Ghibli. La storia si incentra sulla vita di due giovani sorelle, Satsuki e Mei, che si trasferiscono insieme al padre in un paesino di campagna per andare a vivere più vicini alla madre delle bambine, ricoverata in ospedale. Nella nuova realtà, le sorelle iniziano un viaggio di scoperta, soprattutto della natura rurale. Fanno la conoscenza di esseri soprannaturali, tra cui Totoro, e maturano, imparando il rispetto per la natura. Non è concesso sempre a tutti di vedere e conoscere questi esseri magici, custodi della natura. Ed è un privilegio concesso soprattutto ai bambini.